Login      Registrazione       martedì 21 novembre 2017
 

Sfondo ACLI.bmp

 

ACLI E': SOLIDARIETA' ...

Mani e Solidarietà.JPG

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
News

Logo Punto Famiglia ACLI.jpg

 

 

 

Obiettivi del Punto Famiglia

 

 

Il Punto Famiglia delle ACLI di Roma nasce per essere un polo multifunzionale di promozione e sostegno della famiglia. Il suo obiettivo primario è di ribadire la famiglia come cellula fondamentale della società.

Questa ispirazione di fondo, cui le ACLI di Roma si stanno dedicando con intensa passione negli ultimi anni, è qui declinata con una serie di attività e servizi specifici, che intendono intercettare una serie di esigenze manifestate dal territorio:

·         mettere in rete le famiglie, facilitarne le occasioni di scambio, condivisione e crescita comune

·         porsi in ascolto delle loro esigenze e collegarle con i servizi pubblici e privati sul territorio che meglio possono fornire loro una risposta efficace

·         informarle in particolare sui servizi pubblici sociali e socio-sanitari promossi sul territorio dagli enti locali, dalle ASL e da altri organismi e associazioni che operano in ambito sociale

·         offrire orientamento sulle problematiche familiari più comuni, attraverso consulenti specializzati in: lavoro, casa, aspetti legali, economici, assistenziali, sanitari ecc.

·         mettere a disposizione nello specifico servizi di assistenza previdenziale e fiscale, tutela dei consumatori, orientamento all’assistenza domiciliare, sostegno alle famiglie meno abbienti

·         organizzare eventi ed attività formative e ludico-ricreative, per combattere l’isolamento delle famiglie e favorirne la partecipazione alla vita della comunità

·         costituire un punto di riferimento territoriale anche per le associazioni di volontari che operano in ambito familiare, per promuovere e stimolare iniziative a sostegno delle famiglie, incentivandone anche il coinvolgimento attivo

 

 

 

News

PROGETTO “CTA FOR AFRICA

 

CTA FOR AFRICA.jpg

 

Premessa

 

Il CTA, associazione di promozione sociale promossa dalle Acli (Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani) promuove il turismo sociale e associativo attraverso iniziative di tempo libero e turismo per gli associati e attiva azioni progettuali di utilità sociale. Il CTA è presente in 100 sedi in tutta Italia e conta più di 35.000 tesserati oltre ad essere di riferimento per tutti gli associati del sistema Acli.

 

Il Progetto

 

Il progetto “CTA for Africa” nasce dal tradizionale impegno del CTA di promuovere azioni concrete di sostegno alla comunità e alla famiglia nella quale la persona si realizza come essere umano: la persona soggetta di tutele è al centro delle attività e dei valori fondanti espressi nello Statuto CTA e delle Acli.

 

Gli obiettivi

 

Il progetto “CTA for Africa” intende perseguire diversi obiettivi:

- Sensibilizzare e informare la società sulle “emergenze nel sud del mondo”: se da una parte significa contribuire a informare le persone fornendo elementi per una coscienza critica, dall’altra contribuisce allo stesso tempo a ridimensionare i nostri “stili di vita” verso una sobrietà del consumo e del vivere quotidiano.

- Portare concreti aiuti a sostegno delle comunità locali africane in particolare nel Mozambico a Inhassoro dove le Acli da tempo sono impegnate nel contribuire al sostentamento e allo sviluppo della comunità locale attraverso le proprie competenze sociali e formative: progetto Escola Profisional “Estrela Do Mare” a Inhassoro – Una speranza per il Mozambico.

 

Esecuzione del progetto

 

L’azione del progetto prevede uno “Staff del CTA” che partendo dal nord e proseguendo verso il sud Italia, isole comprese, attraversi le principali città con due fuoristrada adeguatamente preparati per la promozione del progetto (partner e sponsor). La durata del tour italiano è indicativamente di 30 giorni e toccherà le principali città Italiane: Aosta, Cuneo, Torino, Milano, Trento, Udine, Venezia, Padova, Savona, Genova, Modena, Ravenna, Siena, Perugina/Assisi, Ascoli, Pescara/L’Aquila, Roma, Porto Torres (SS), Napoli, Potenza, Bari, Reggio Calabria, Catania.

Un’azione importante del progetto è la massima visibilità nei media per garantire la maggiore sensibilizzazione rispetto i temi e gli obiettivi del progetto. Per tale motivo sarà coinvolta la stampa e le radio televisioni. E’ prevista la presenza di almeno 1 giorno per le città indicate, nelle piazze, in punti di incontro e la distribuzione di materiale informativo.

Tali azioni ci consentiranno, di dare il più ampio spazio di divulgazione possibile anche attraverso la realizzazione di uno spazio web dedicato.

 

Tempi – azioni del progetto

 

Il progetto si intende attivarlo secondo il seguente calendario di massima:

·  Aprile 2010

- presentazione del progetto alla stampa – Roma – Sala del Campidoglio.

- stampa del materiale informativo

- avvio dello spazio web dedicato al progetto

·  Aprile / Maggio 2010

- avvio del “tour CTA for Africa”, con incontri con la cittadinanza (associazioni, Istituzioni, scuole, cittadini), promossi attraverso i CTA e le Acli Provinciali delle varie città indicate per il tour

- promozione di seminari, tavole rotonde e presenza nelle piazze e nei luoghi d’incontro

·  Settembre / Ottobre 2010

- avvio della fase “missione CTA for Africa” – “Una speranza per il Mozambico”

- incontro con la comunità di Inhassoro

- analisi e organizzazione di itinerari e proposte di turismo responsabile

- acquisto in loco e consegna di beni e merci di necessità

- la consegna di un automezzo (tipo Tata Safari) per l’utilizzo della Escola Profisional “Estrela Do  

  Mare”

- realizzazione di un reportage: fotografico per successive mostre e format televisivo

·  Ottobre/ Novembre 2010

- consegna in tutte le città coinvolte nel tour del reportage (mostra fotografica e resoconto) della missione.

 

News

 


 

 

Titolo: LIBERO - TERREMOTO: ACLI, AL VIA PROGETTO 'CASA DELLA SOLIDARIETA'' A L'AQUILA
Data:
23/07/2009

LIBERO

TERREMOTO: ACLI, AL VIA PROGETTO 'CASA DELLA SOLIDARIETA'' A L'AQUILA 

(Adnkronos) - Nel frattempo, sulla base dell'esperienza maturata in occasione del terremoto del '98 nelle Marche e in Umbria, un protocollo di intesa e' stato stipulato tra le Acli e la Caritas italiana per fornire ulteriore supporto alla popolazione, mettendo insieme risorse e competenze. Ad agosto, dal 24 al 31, si svolgera' invece il secondo campo estivo organizzato a Pesaro dai Giovani delle Acli e dal Cta (Centro turistico Acli), destinato ai ragazzi aquilani che vivono nelle tende. Il primo campo si e' svolto i primi di luglio, sempre a Pesaro.

Numerosissime le iniziative di raccolta fondi feste, concerti, gemellaggi, gare sportive avviate autonomamente dai diversi soggetti delle Acli, oltre ai due conti correnti attivati da subito dall'associazione a livello centrale. 'La notte italiana per l'Aquila' promossa a Francoforte dalle Acli tedesche. La colletta dei circolo di Reggio Emilia per le attrezzature didattiche necessarie alle scuole danneggiate. Il comitato regionale veneto dell'Unione sportiva Acli, che ha deciso di adottare il circolo storico 'Acli Fanin', il piu' antico dell'Aquila e d'Abruzzo, per aiutarlo a riaprire il prima possibile.

 

News

Titolo: VITA - L'Aquila, apre la Casa Acli
Data:
23/07/2009

Sarà una struttura polivalente in grado di ospitare i diversi servizi che fanno capo alle Associazioni cristiane dei lavoratori italiani

Si chiamerà «Casa Acli» e sarà una grande «Casa della solidarietà». Una struttura polivalente in grado di ospitare i diversi servizi che fanno capo alle Associazioni cristiane dei lavoratori italiani, ma soprattutto «uno spazio di socialità per gli abitanti dell’Aquila», un luogo di incontro per le famiglie, di ascolto, di supporto formativo e psicologico. «Perché costruire relazioni», dicono le Acli, «è importante quanto costruire case».
Di questo progetto e delle altre iniziative di solidarietà promosse in seguito al terremoto del 6 aprile hanno parlato oggi le Acli, riunite oggi eccezionalmente all’Aquila con la propria Presidenza nazionale per l'inaugurazione ufficiale della nuova sede dell'associazione, in via Carducci 30, nel quartiere di Pettino, che ospiterà i servizi del Patronato, del Caf e della Fap, la federazione anziani e pensionati delle Acli. La vecchia sede, infatti, in Via Arco dei Francesi, è in piena zona rossa, dunque tutt’ora inagibile e inaccessibile.
In questi mesi, dunque, Caf Acli e Patronato Acli hanno potuto operare sul territorio aquilano grazie a tre camper mobili (uno messo a disposizione dalle Acli siciliane) girando per le tendopoli e i centri commerciali. Il Caf destinerà alle Acli aquilane una parte dei ricavi nazionali maturati quest'anno dalla campagna fiscale nazionale. Il Patronato Acli pubblicherà un tabloid che verrà distribuito nelle tendopoli e che tratterà quanto necessario sapere sulle normative e i decreti post-terremoto. Le notizie verranno diffuse anche grazie un sistema di sms che verranno inviati ai circa 2 mila contatti telefonici raccolti in questi mesi.
Nel frattempo, sulla base dell’esperienza maturata in occasione del terremoto del’98 nelle Marche e in Umbria, un protocollo di intesa è stato stipulato tra le Acli e la Caritas italiana per fornire ulteriore supporto alla popolazione, mettendo insieme risorse e competenze. Ad agosto, dal 24 al 31, si svolgerà invece il secondo campo estivo organizzato a Pesaro dai Giovani delle Acli e dal Cta (Centro turistico Acli), destinato ai ragazzi aquilani che vivono nelle tende. Il primo campo si è svolto i primi di luglio, sempre a Pesaro.
Numerosissime le iniziative di raccolta fondi, feste, concerti, gemellaggi e gare sportive, avviate autonomamente dai diversi soggetti delle Acli, oltre ai due conti correnti attivati da subito dall’associazione a livello centrale. «La notte italiana per l’Aquila» promossa a Francoforte dalle Acli tedesche. La colletta dei circolo di Reggio Emilia per le attrezzature didattiche necessarie alle scuole danneggiate. Il comitato regionale veneto dell’Unione sportiva Acli, che ha deciso di «adottare» il circolo storico «Acli Fanin», il più antico dell’Aquila e d’Abruzzo, per aiutarlo a riaprire il prima possibile.
«Ripartire dai circoli» è del resto la parola d'ordine delle Acli aquilane e abruzzesi, che esprimono la necessità di «lavorare per ricostruire un tessuto sociale che ad oggi manca completamente». In questa direzione si inserisce il progetto «ambizioso» della Casa della solidarietà delle Acli, come spiega il presidente nazionale Andrea Olivero «Abbiamo già avviato le procedure per l’individuazione di un’area preposta ad accogliere le prime strutture che ospiteranno "Casa Acli", a partire da un prefabbricato già donato da privati al nostro dipartimento welfare. Destineremo a questo progetto i soldi pervenuti ai nostri conti correnti e parte delle risorse assegnate alle Acli dal 5 per mille. L’idea non è solo quella di fornire servizi, ma soprattutto quella di creare un luogo dove si possa riscoprire la bellezza del vivere insieme. Costruire relazioni, costruire comunità è importante quanto costruire case».

 
News

 


 

 

Logo CTA  Nuovo.JPG 

Il CTA ACLI INPDAP, in collaborazione con il CTA Nazionale, le ACLI Nazionali ed Internazionali, si sta adoperando fattivamente per fornire il proprio contributo alla popolazione disagiata ed alle migliaia di sfollati, a seguito dell’evento sismico di cui siamo stati e siamo, tutt’ora, tristi testimoni.

 

Le Associazioni Cristiane dei Lavoratori Italiani hanno mobilitato la rete degli italiani all'estero per raccogliere fondi in solidarietà con le popolazioni abruzzesi vittime del terremoto. Con una lettera inviata alle sedi presenti in vari Paesi nel mondo, la Federazione delle Acli internazionali invita a far convergere i contributi sui conti correnti appositamente aperti dall'associazione in Italia.

Stanno arrivando copiose, infatti, da tutte le nostre Sedi presenti, capillarmente, su tutto il Territorio Nazionale ed Internazionale (per un totale di circa 1 milione di iscritti, 8.000 strutture territoriali in Italia e rappresentanza in 40 Paesi del mondo), le sottoscrizioni a favore dei nostri fratelli abruzzesi, sui C/C predisposti in tal senso che Vi ricordiamo e che sottoponiamo nuovamente alla Vs. cortese attenzione:

C/C BANCARIO BANCA ETICA:

 

IBAN : IT 06 M 05018 03200 000000129000

intestato a: ACLI- Un aiuto per l’Aquila.

 

 

C/C POSTALE:

 

IBAN: IT68 D07601 03200 000030577001

intestato a: ACLI

 

La causale  è ACLI – Un aiuto per l’Aquila

 

Stiamo, altresì, invitando e sensibilizzando Tour Operator ed Operatori  del settore, a partecipare concretamente al Progetto di Sostegno e Ricostruzione, fornendoci dei Pacchetti Viaggio con Formule ad hoc, estremamente vantaggiose, di cui Vi forniremo Locandine e dettagli (il cui ricavato sarà in parte devoluto) con lo scopo, incentivando le partenze, di incrementare conseguentemente le sottoscrizioni sui C/C dedicati.

Infine, Vi ricordiamo relativamente alla Dichiarazione dei Redditi, che avete la possibilità di devolvere la Vostra quota del  5 x 1000” alle ACLI, utilizzando il relativo Codice Fiscale: 80053230589, nell’apposito riquadro dei modelli CUD 2009,  Mod. 730, Unico persone fisiche 2009, per aiutarci a sostenere i nostri progetti che stiamo realizzando in Italia e nel mondo: Scuola in Mozambico, Punto Famiglia ad Agrigento, Percorso Interculturale a Bergamo, Intervento sul disagio sociale a Ferrara, oltre, ovviamente, al sostegno alle famiglie abruzzesi …

Devolvi il tuo 5 x 1000 alle ACLI: un piccolo aiuto per fare tanto … IL TUO 5 PER NOI VALE 1000 … !  5 x 1000 ACLI.bmp

                                     

  

 

 

 

 

 

 

 

Copyright (c) 2011 ctaservizi.com    ||   DotNetNuke   ||   Condizioni d'Uso